Autoabbronzanti: quale scegliere?

Spopola su Instagram la moda degli autoabbronzanti che in America sono un must insieme ai denti brillanti e i filler alle labbra.

E’ proprio questo il periodo perfetto per iniziare a sfoggiare una bella abbronzatura senza rischiare di rovinare la pelle.

Proprio la quarantena ci sta dando la possibilità di sperimentare diversi prodotti e i selftanner non devono mancare!

Personalmente in passato ho provato tante marche, e anche costose, ma mi hanno sempre deluso: pelle arancione, odore sgradevole, vestiti macchiati.
Beh, diciamo che queste sono le caratteristiche (più o meno) di quasi tutti gli autoabbronzanti, quindi arrendiamoci.

Ci sono, però, le nuove generazioni di selftanner in mousse, che si applicano con un pratico guanto che non vi macchierà il palmo della mano, sono velocissimi e i risultati straordinari!

Vediamo insieme alcune marche:

Minetan è un’azienda giovane che propone tantissime tonalità, dalla più chiara alla più scura, dalla rosata all’olivastra.
L’inci è tra i migliori, io utilizzo la tonalità “dark” della categoria “coconut” e lo sto amando.

Più costosa e più pubblicizzata è invece Loving tan.
A livello qualitativo credo sia il migliore che abbia provato: l’abbronzatura è assolutamente naturale e non va via subito, ottimo profumo, ma prezzo alto per la quantità di prodotto.

Gode di ottime recensioni St Tropez, nata subito dopo Loving Tan, prezzo nella media, bello il risultato, colorito assolutamente naturale che dura anche una settimana.

Ultimo prodotto, St Moriz, è quello con cui mi sono trovata peggio: cattivo odore, un po’ aggressivo sulla pelle che rimane appiccicosa, tende a lasciare macchie se non lo si applica velocemente, ma d’altronde è quello col prezzo più basso!

Voi? Utilizzate spesso gli autoabbronzanti!

Ricordate di seguirmi su Instagram per le novità!

You may also like